Marino Fardelli: “Una buona notizia. Ma gli studenti vanno informati. Agevolazioni anche ai lavoratori pendolari”

 

“Le agevolazioni annunciate dalla Regione Lazio sulle tariffe del trasporto pubblico sono una buona notizia per gli studenti pendolari e per l’economia delle loro famiglie. Ma è necessaria una eco mediatica che raggiunga in maniera più incisiva gli studenti anche su come fare per poter usufruire delle agevolazioni. Auspico inoltre un intervento a favore dei pendolari lavoratori”.

Il consigliere regionale Marino Fardelli, capogruppo Udc alla Pisana, sollecita una maggiore informazione sugli sconti che consentono ai giovani under 30, con un reddito ISEE inferiore a 20.000 euro, di usufruire di sconti a partire dal 50% per l’acquisto di abbonamenti per il trasporto pubblico come ad esempio la tessera annuale Metrebus o altre forme di abbonamento per i trasporti su ferro e gomma nella regione.

“Il Lazio è al secondo posto della classifica nazionale per numero di pendolari, circa 540.000. Tra questi, oltre ai lavoratori, ci sono gli studenti under trenta che ogni giorno viaggiano per raggiungere università o scuole. Tra crisi economica e disagi lamentati e denunciati, un risparmio sul costo degli abbonamenti è un primo importante passo verso gli studenti e le loro famiglie e lo sarebbe anche nei confronti dei lavoratori” ha affermato il consigliere regionale Marino Fardelli.

“L’informazione su dove andare e come fare per ottenere gli sconti intanto deve però essere più vasta e chiara in modo da poter dare a tutti la possibilità di potervi accedere”. Il Lazio è, secondo Legambiente, tra le regioni dove si registrano le maggiori criticità nel settore trasporti e i ritardi, le cancellazioni dei servizi offerti, sono soltanto alcune delle voci di reclamo dei pendolari di cui lo stesso consigliere Fardelli si è reso più volte portavoce presso la Regione Lazio: “Mentre attendiamo che iniziative vengano prese per migliorare le condizioni di viaggio, la notizia di uno sconto sul costo degli abbonamenti, solleva almeno i pendolari studenti, considerato che l’aumento del costo dei biglietti è costante e ingiustificato.

L’aumento della benzina e dei pedaggi autostradali sono inoltre da considerarsi altre motivazioni per l’aumento del numero di persone che scelgono il mezzo pubblico ogni giorno. E’ per questo che auspico provvedimenti simili anche per i lavoratori” ha concluso il consigliere regionale Marino Fardelli.