Marino Fardelli: “Da settembre ad oggi in Regione con Zingaretti, un lavoro costante. Altro che visita spot”

“L’impegno della Regione Lazio per l’ospedale Santa Scolastica di Cassino dovrà essere mantenuto”.

Il consigliere regionale Marino Fardelli si dice fiducioso ma anche vigile rispetto a quanto il Presidente Nicola Zingaretti aveva promesso a settembre e a quanto ora il Commissario Macchitella e il Coordinatore della Cabina di Regia SSR D’Amato hanno assicurato rispetto all’arrivo di nuovi medici e al potenziamento dell’ospedale di Cassino.

“Dal giorno in cui il Presidente Zingaretti da Exodus, annunciò un cambio di passo per l’ospedale Santa Scolastica, è seguito in Regione un lavoro costante e continuo, altro che visita spot a Cassino – afferma Fardelli – Non è trascorsa occasione in cui non mi sia confrontato con lo stesso Presidente Zingaretti sui tempi, sulle modalità, sulle reali possibilità per intervenire non solo sull’emergenza che vive il nosocomio cassinate, ma anche su un reale e possibile potenziamento”.

Il consigliere regionale Marino Fardelli chiarisce che non è intenzione di questo Governo regionale privare il cassinate del suo ospedale: “Tantomeno delle potenzialità che ha questa struttura – spiega Fardelli – E’moderna e il bacino d’utenza è vastissimo. E’ impensabile che si possano fare passi indietro, non è intenzione di questo Governo regionale, è indiscutibile.

In realtà, il commissariamento e il blocco del turn over non hanno permesso l’arrivo di personale, il ricambio dei medici e neppure turni decenti a medici ed infermieri, provocando il blocco di reparti e la possibilità di investimenti per nuovi servizi. La fine del commissariamento che con tanta caparbietà il Presidente Zingaretti ha quasi raggiunto, permetterà un ritorno alle assunzioni e agli investimenti”.

Questa settimana  sono state due le notizie che lo stesso Fardelli ha comunicato con soddisfazione e cioè l’arrivo di dieci nuovi medici al Santa Scolastica e l’approvazione da parte del Consiglio regionale del Lazio, martedì scorso, di un ordine del giorno presentato dallo stesso consigliere regionale. “L’ordine del giorno che ho presentato il 30 dicembre in Consiglio regionale, è stato discusso e approvato nella prima seduta utile – spiega Fardelli – e cioè martedì scorso. Questa è la dimostrazione dell’attenzione che la Regione Lazio ha nei confronti del cassinate, scegliendo di discutere immediatamente di un argomento che avevo a cuore per il nostro territorio”.

Nell’ordine del giorno il consigliere regionale Marino Fardelli, oltre ad aver descritto tutte le criticità del Santa Scolastica, ha posto all’attenzione del Consiglio regionale le esigenze a partire dall’assunzione di personale fino al potenziamento di tutti i reparti, ponendo in primo piano anche la mancanza di due reparti fondamentali e cioè urologia e medicina nucleare. “Sono tanti i pazienti cassinati che per usufruire della medicina nucleare devono recarsi a Sora dove già i reparti sono sovraffollati – spiega Fardelli – Ma anche dell’urologia, dove al SS Trinità il reparto è stato annesso a chirurgia e registra già centinaia di pazienti.

Cassino, dopo un intervento definitivo all’ emergenza personale, deve poter crescere e rispondere ai cittadini con tutti i servizi possibili. Tornare ad investire sulla sanità è quanto promesso da Zingaretti a settembre da Cassino e quanto il Presidente stesso e la Regione Lazio stanno mantenendo”. Sull’arrivo dei dieci medici entro la fine di gennaio Fardelli assicura che vigilerà perché questo accada nei tempi e nei modi promessi.

“Il Commissario Macchitella e il Coordinatore della Cabina di Regia D’Amato sono stati chiari – ribadisce con forza Marino Fardelli – Hanno assicurato che i medici arriveranno e questa volta, dopo quanto vissuto nel periodo festivo, con file, barelle appoggiate ovunque e carenza di personale a partire dal Pronto Soccorso, credo che non si possa più rinviare l’arrivo di nuovo personale e che nessuna motivazione potrà giustificare una eventuale mancanza.

Sono certo che, non essendo una chiamata a breve termine, i dieci medici risponderanno e che verranno impiegati per portare un contributo notevole al lavoro che, con grande spirito di servizio, i medici in organico portano avanti ogni giorno nonostante le mille difficoltà” ha concluso il consigliere regionale Marino Fardelli, capogruppo LB Obiettivo Lazio.